In occasione della dodicesima edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI – la grande manifestazione che ogni anno l’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani dedica alla promozione della cultura contemporanea – Trieste Contemporanea ospita Twenty Years Later, un incontro con il collettivo BridA in dialogo con il curatore Daniele Capra. L’evento sarà l’occasione per conoscere alcuni dei lavori più significativi della ricerca artistica di Tom Kerševan, Sendi Mango e Jurij Pavlica, ripercorrendo vent’anni di lavoro del sodalizio iniziato all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 1996.
La ricerca dei BridA è basata sull’analisi dei processi e dei ruoli all’interno dell’arte contemporanea e delle modalità di collaborazione artistica e di lavoro di gruppo che ha visto il coinvolgimento di altri artisti, esperti e menti creative. Molto attivi nel contesto sloveno, gli artisti del BridA hanno maturato numerose connessioni con università e istituti di ricerca in Europa e negli Stati Uniti, presso cui sono stati frequentemente in residenza. I BridA hanno preso parte a numerose mostre, come la Triennale e la Biennale di Grafica di Lubiana, all’Abandon Normal Devices Festival a Grizedale (GB) e ad Ars Electronica Festival di Linz (A). Hanno esposto presso il MSUM e la Moderna Galerija di Lubiana (SLO), il Kalmar Konstmuseum di Kalmar (S), la Galleria Tina Modotti di Udine, la Mestna Galerija di Nova Gorica (SLO), la Galleri Gro – Campus Allegro a Jakobstaad (FIN), il Blaffer Museum of Contemporary Art di Houston (USA), la University of Maine (USA), la Tate St.Ives (GB), la Fondazione Ratti a Como e la Fabbrica del Vapore a Milano.